Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"

  • 63 Risposte
  • 34447 Visite
*

Offline ds20 1970

  • ****
  • 1.549
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #15 il: Marzo 06, 2013, 07:08:00 pm »
Secondo me le quotazioni sono alte, vedo più realistiche quelle di Ruoteclassiche con la possibilità di variazione in base alle condizioni.

forse si è vero!!

 [:hello]

*

Offline Gianluca

  • ******
  • 8.043
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #16 il: Marzo 07, 2013, 09:19:49 am »
Secondo me le quotazioni sono alte, vedo più realistiche quelle di Ruoteclassiche con la possibilità di variazione in base alle condizioni.

Ciao Anselmo,
secondo me, in linea di massima, non sono genericamente alte.
A mio avviso ci sono alcune quotazioni che possono essere ritoccate e corrette, ma questo fa parte del gioco.

Credo anche che il metro usato sia un po' freddo e tenga poco conto di aspetti legati all'esclusività e alle peculiarità dei singoli modelli, anche rapportati al periodo storico in cui un modello è nato, sia negli elementi "qualificanti", sia negli "elementi" penalizzanti.

Ad ogni modo, secondo me, non è un cattivo punto di partenza, in passato ne ho visti di peggiori  :)
Qualcuno è andato per età, qualcuno perché già dottore e insegue una maturità, si è sposato, fa carriera ed è una morte un po' peggiore...

*

Offline dandy

  • *****
  • 1.828
  • FLHRS 07
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #17 il: Marzo 07, 2013, 07:35:57 pm »
Ciao Anselmo,
secondo me, in linea di massima, non sono genericamente alte.
A mio avviso ci sono alcune quotazioni che possono essere ritoccate e corrette, ma questo fa parte del gioco.

Credo anche che il metro usato sia un po' freddo e tenga poco conto di aspetti legati all'esclusività e alle peculiarità dei singoli modelli, anche rapportati al periodo storico in cui un modello è nato, sia negli elementi "qualificanti", sia negli "elementi" penalizzanti.

Ad ogni modo, secondo me, non è un cattivo punto di partenza, in passato ne ho visti di peggiori  :)


Ciao Gianluca, penso che fare un quadro generale delle quotazioni sia sempre difficile, quindi onore a Maurizio di aver iniziato questo progetto.
Queste quotazioni potrebbero non essere alte ma addirittura basse se prendiamo come punto di riferimento una vettura che è passata per le mani di Kalido ( cito lui perchè quasi tutti abbiamo visto cosa sa fare), ma secondo me non sono adeguate ad un'ipotetico mercato generale.
Sono d'accordo con te quando citi gli elementi qualificanti e penalizzanti, ma cosa è meglio o peggio? chi decide il criterio?
Per esempio la DS del 63 è l'unico am con il nuovo cruscotto e il nuovo muso, ma senza tasche portagiornale alle portiere e al rivestimento centrale, questa unicità è migliorativa per esclusività dell'am oppure penalizza la quotazione perchè non sai dove mettere le carte autostradali?
Quando si fa una quotazione, penso che sia anche legata al proprio gusto personale, per esempio una DS del 66 non vale di più di una del 63, perchè secondo me il 66 è un'"ibrido" tra 2 periodi storici, LHS/monobullone e LHM/5 fori, oppure una ID del 63 dovrebbe valere di più di una del 65-66 perchè ha ancora il cruscotto in plastica, quindi se chiedi a 5 persone diverse potresti avere 5 quotazioni diverse.
Altra cosa che non capisco come mai una IDSuper del 67 ( non me ne vogliano i proprietari) può avere una quotazione maggiore ad una DS del 63!! solo perchè specifica del mercato Italiano??
Si dice sempre che il valore lo dà il mercato, ma noi quale mercato dobbiamo guardare?? Quello delle aste a Retromobile, oppure quello che si sente ai raduni da amici che hanno appena comprato o venduto?
Visto che l'argomento è interessante metto sul piatto un'altro punto di vista, quello di Paolo del sito LesDS dove potrai vedere le sue quotazioni, dacci un'occhio e poi mi dici.
L'unico appunto che mi sento di fare è quello di avere avuto fretta nel mettere il link su faccialibro, avrei aspettato l'edizione definitiva.
L'argomento mi piace e spero che molti altri possano aiutare Maurizio a completare un lavoro non facile.
 [:hello]


*

Offline fabio72

  • *****
  • 2.593
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #18 il: Marzo 07, 2013, 09:14:41 pm »
Sette o otto anni fa ho avuto il piacere di guidare una Special del 73 con 6900 km originali, che poi è finita inspiegabilmente dal demolire, ma questa è un altra storia.
Ebbene, secondo il mio metro di giudizio e semplicemente l'originalità dell'auto che fa accrescere il suo valore.
Non me ne vogliano i proprietari di auto superrestaurate, ma non c'e paragone rispetto ad un'altra completamente originale, sia una Id, D o Ds.
Ruoteclassiche in questo caso ha preparato una "graduatoria" dell'originalità e ovviamente assegna un valore all'auto rispetto a come essa sia stata conservata oppure restaurata.
E poi se la gente sa e la gente lo sa che sai suonare...suonare ti tocca per tutta la vita e ti piace lasciarti ascoltare....

*

Offline Ugomaria

  • Giorgio Giovinazzi
  • ******
  • 6.781
  • det bedste er ikke for godt
    • il mio sito
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #19 il: Marzo 07, 2013, 09:34:03 pm »
Ebbene, secondo il mio metro di giudizio e semplicemente l'originalità dell'auto che fa accrescere il suo valore.

Parole santissime.
a mare calmo ogni strunz è marenar

*

Offline oxi883

  • ******
  • 3.599
  • ... MAI dire MAI ...
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #20 il: Marzo 07, 2013, 10:16:43 pm »
Quoto.
 

*

Offline CitroMarco

  • Al vostro Citrò Servizio
  • ***
  • 549
    • CITRÒ SERVICES
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #21 il: Marzo 08, 2013, 12:03:44 am »
Dunque, invece di soffermarmi sulla singola quotazione ho provato a vedere se trovavo un equilibrio fra le quotazioni di differenti modelli.
A mio parere c'è da perfezionare. In diversi casi non si è tenuto conto a mio parere di percezioni come "rarità" o "qualità" di certi modelli.
Due esempi.
Io posseggo una DS19 del 1959, spesso parcheggiata a fianco di una DS23IE Pallas 1975.
Secondo la tabella la seconda vale qualcosa di più della prima.
Non è la mia percezione, e nemmeno quella di chi viene a trovarmi e le vede insieme. Solitamente, snobbata la 23IE che pure è splendida, tutti si focalizzano sulla DS19 dicendo"questo si è un pezzo da 90! "
Secondo esempio.

Personalmente, fra una DSUper 1970 ed una 1974 non avrei dubbi, idem per le DSpecial.
1970 e 1971 sono un pochino meglio rifinite e spesso in colori più vivi ed allegri, con esterno ed interni contrastanti.
A mio parere anche nel valore una lieve differenza c'è.

 [:hello] Marco
e pensare che non ci vado nemmeno matto, per la mortadella...

*

Offline Gianluca

  • ******
  • 8.043
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #22 il: Marzo 08, 2013, 09:33:43 am »
Sono d'accordo Anselmo, è davvero difficile.

Le considerazioni che hai fatto sono tutte giuste, mi sentirei di unificare un po' di più le quotazioni, senza andare troppo a differirsi di anno in anno.
Poi è ovvio che a valutare di più un 63 rispetto a un 64 o a un 62 siano considerazioni date anche da un gusto personale.
Certo è che una ID, secondo me (non me ne vogliano gli idisti) non può MAI valere più di una DS, indipendentemente dalla sua esclusività. Mettere in tabella una ID che vale più di una DS significa commettere un falso storico e culturale. E lo dice uno che apprezza e ammira davvero tanto la ID del '67, senza ombra di dubbio la ID più esclusiva e più pregiata.

Per il resto che ti devo dire ? Hai ragione su tutto, ma oramai l'importante è diventato pubblicare il tutto sui canali mediatici, cazzata più, cazzata meno tanto chi vuoi che se ne accorga ?  [o:o:]

 [:hello]

P.S.
Il sito di Paolo lo seguo spesso  [;)]


Ciao Gianluca, penso che fare un quadro generale delle quotazioni sia sempre difficile, quindi onore a Maurizio di aver iniziato questo progetto.
Queste quotazioni potrebbero non essere alte ma addirittura basse se prendiamo come punto di riferimento una vettura che è passata per le mani di Kalido ( cito lui perchè quasi tutti abbiamo visto cosa sa fare), ma secondo me non sono adeguate ad un'ipotetico mercato generale.
Sono d'accordo con te quando citi gli elementi qualificanti e penalizzanti, ma cosa è meglio o peggio? chi decide il criterio?
Per esempio la DS del 63 è l'unico am con il nuovo cruscotto e il nuovo muso, ma senza tasche portagiornale alle portiere e al rivestimento centrale, questa unicità è migliorativa per esclusività dell'am oppure penalizza la quotazione perchè non sai dove mettere le carte autostradali?
Quando si fa una quotazione, penso che sia anche legata al proprio gusto personale, per esempio una DS del 66 non vale di più di una del 63, perchè secondo me il 66 è un'"ibrido" tra 2 periodi storici, LHS/monobullone e LHM/5 fori, oppure una ID del 63 dovrebbe valere di più di una del 65-66 perchè ha ancora il cruscotto in plastica, quindi se chiedi a 5 persone diverse potresti avere 5 quotazioni diverse.
Altra cosa che non capisco come mai una IDSuper del 67 ( non me ne vogliano i proprietari) può avere una quotazione maggiore ad una DS del 63!! solo perchè specifica del mercato Italiano??
Si dice sempre che il valore lo dà il mercato, ma noi quale mercato dobbiamo guardare?? Quello delle aste a Retromobile, oppure quello che si sente ai raduni da amici che hanno appena comprato o venduto?
Visto che l'argomento è interessante metto sul piatto un'altro punto di vista, quello di Paolo del sito LesDS dove potrai vedere le sue quotazioni, dacci un'occhio e poi mi dici.
L'unico appunto che mi sento di fare è quello di avere avuto fretta nel mettere il link su faccialibro, avrei aspettato l'edizione definitiva.
L'argomento mi piace e spero che molti altri possano aiutare Maurizio a completare un lavoro non facile.
 [:hello]


Qualcuno è andato per età, qualcuno perché già dottore e insegue una maturità, si è sposato, fa carriera ed è una morte un po' peggiore...

*

Offline Gianluca

  • ******
  • 8.043
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #23 il: Marzo 08, 2013, 09:43:36 am »
Dunque, invece di soffermarmi sulla singola quotazione ho provato a vedere se trovavo un equilibrio fra le quotazioni di differenti modelli.
A mio parere c'è da perfezionare. In diversi casi non si è tenuto conto a mio parere di percezioni come "rarità" o "qualità" di certi modelli.
Due esempi.
Io posseggo una DS19 del 1959, spesso parcheggiata a fianco di una DS23IE Pallas 1975.
Secondo la tabella la seconda vale qualcosa di più della prima.
Non è la mia percezione, e nemmeno quella di chi viene a trovarmi e le vede insieme. Solitamente, snobbata la 23IE che pure è splendida, tutti si focalizzano sulla DS19 dicendo"questo si è un pezzo da 90! "
Secondo esempio.

Personalmente, fra una DSUper 1970 ed una 1974 non avrei dubbi, idem per le DSpecial.
1970 e 1971 sono un pochino meglio rifinite e spesso in colori più vivi ed allegri, con esterno ed interni contrastanti.
A mio parere anche nel valore una lieve differenza c'è.

 [:hello] Marco

Hai ragione.
Una DS 19 della prima era, se in condizioni eccellenti, vale più di una 23 in pari condizioni.
Per un motivo culturale e per un pratico: la DS nasce in quel modo e poi portare una DS del 58 o del 59 in condizioni eccellenti non è sforzo da poco e diventa un oggetto esclusivo, raro e fascinoso più di ogni altro.

A trovarle DS 19 così....

La differenza fra una DSuper del '70 e una del '74 è evidente, io sono mille anni che lo dico ma qui a tutti piace la DSuper5....



Qualcuno è andato per età, qualcuno perché già dottore e insegue una maturità, si è sposato, fa carriera ed è una morte un po' peggiore...

*

Offline Martini

  • *****
  • 13.193
  • IDéeSse Club - Uff. Stampa
    • IDéeSse Club
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #24 il: Marzo 08, 2013, 10:28:11 am »
Le quotazioni tengono conto di varie cosette e si basano essenzialmente sui prezzi di acquisto trovati in giro per la rete di modelli in ottime (non buone, OTTIME) condizioni.

Se la gente paga più volentieri 30.000 per una DS23 IE Pallas che non 25.000 per una DS del '59, è un problema del mercato.

Forse avremmo dovuto "osare" di più e dire quelli che secondo noi sono i prezzi giusti, ma (almeno in questa fase) mi interessava fornire un termometro del mercato, pur con qualche correttivo: ho (per esempio) inserito un coefficiente maggiorativo su quelle versioni più facilmente "usabili": LHM e modelli recenti, giusto per indicarne due.

In sostanza, anch'io tra la 23 blu blu delta di Marco e la DS19 del '59 sceglierei quest'ultima, ma lo stesso non vale per il neofita (a cui tutto questo lavoro è dedicato) che acquisterebbe probabilmente senza neanche porsi il dubbio, la DS23 Pallas. "Questa è una Pallas-squalo-DS, quell'altra no".

Lo stesso discorso vale per la DSuper5 del '74 e la DSsuper del 70: io acquisterei la seconda, il neofita no: "questo è uno squalo-Pallas (arridanghete) cinquemarce" o -peggio- "questa è una DS21".  ;D

Comunque, continuate a commentare, io sto prendendo nota e nella prossima revisione della tabella inserirò qualche correttivo.

*

Offline Gianluca

  • ******
  • 8.043
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #25 il: Marzo 08, 2013, 10:34:55 am »
Se è per quello il neofita non sceglie neanche una DS23, ne sono prova decine e decine di topic in questo forum.
"L'iGNiezione fa bruciare le macchine e ti lascia a piedi.....Le ID sono affidabili come le audi e ci si godono di più, colla DS coiffungo ci si ferma ogni tre metri.....I'semiTOmatico fa venire le bolle....ecc. ecc."

Il mercato tende a preferire una 23 rispetto a una 19 della prima era perché una 19 della prima era, nelle condizioni che spesso si trovano le 23, esiste solo nei sogni di noi diessisti innamorati oppure sono mosche bianche.

Poi è chiaro, c'è sempre la preferenza fra monofaro e bifaro, e se uno vuole la bifaro c'è poco da fare.
Però un conto è una generica DS del 65, 64, 66, un conto è una DS della prima ora.

Eccheccazzo  ;D
Qualcuno è andato per età, qualcuno perché già dottore e insegue una maturità, si è sposato, fa carriera ed è una morte un po' peggiore...

*

Offline Martini

  • *****
  • 13.193
  • IDéeSse Club - Uff. Stampa
    • IDéeSse Club
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #26 il: Marzo 08, 2013, 10:40:43 am »
Si, hai ragione, ma anche qui basta confrontare i dati: una DS della prima ora è una DS del '56-'57, nel '59 è già più "addomesticata" con l'accensione tradizionale ed i parafanghi posteriori dei modelli successivi. La "prima serie" non ha neppure le griglie sui parafanghi ed è stata costruita in un numero di esemplari minore.

Quanto ai commenti che hai riportato, li ho già sentiti tutti... esattamente con lo stesso accento  [;)]

*

Offline CitroMarco

  • Al vostro Citrò Servizio
  • ***
  • 549
    • CITRÒ SERVICES
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #27 il: Marzo 08, 2013, 11:04:24 am »

Se la gente paga più volentieri 30.000 per una DS23 IE Pallas che non 25.000 per una DS del '59, è un problema del mercato.


Se qualcuno mi offre 25.000 per la DS19, otterrà un gentile diniego.
Ma se qualcuno me ne offre 30.000 per la 23IE, per una QUALUNQUE delle mie .... fammi pensare.... quattro 23IE (cito solo quelle che vanno in moto), gli stendo un tappeto rosso, gli offro un MarTini e lo accompagno a fare il passaggio....
e pensare che non ci vado nemmeno matto, per la mortadella...

*

Offline Gianluca

  • ******
  • 8.043
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #28 il: Marzo 08, 2013, 11:05:13 am »
Si va bene. Credo comunque che una DS del 59 - specialmente se con targa italiana quadrata - in condizioni ottime sia possibile considerarla particolarmente rara ed esclusiva. Ma il concetto che volevo chiarire io è questo: non puoi portare il mercato come giustificazione quando, di fatto, gli scambi di DS 'ante 60 in condizioni eccellenti (come reciti tu nella tabella) sono praticamente nulli.
Quante DS dei primi anni in condizioni perfette, completamente ristrutturate, esistono nel mondo ?

Poi ribadisco, anche io preferisco le bifaro, come molti altri, per tanti motivi che non sto a elencare. Però ci sono degli aspetti che definirei "culturali" ai quali bisognerebbe dare anche una certa rilevanza.


Ribadisco: fare le quotazioni per la DS, una macchina costruita per 20 anni in tanti modelli con tante differenze, è un lavoro spinoso e mi fa un po' sorridere l'idea di pesarle con il bilancino.
In questo comunque tanto di cappello a chi, come te, tenta di fare un po' di chiarezza.


Qualcuno è andato per età, qualcuno perché già dottore e insegue una maturità, si è sposato, fa carriera ed è una morte un po' peggiore...

*

Offline Gianluca

  • ******
  • 8.043
Re: Nuove pagine del progetto "Conoscere per riconoscere"
« Risposta #29 il: Marzo 08, 2013, 11:08:49 am »
Se qualcuno mi offre 25.000 per la DS19, otterrà un gentile diniego.
Ma se qualcuno me ne offre 30.000 per la 23IE, per una QUALUNQUE delle mie .... fammi pensare.... quattro 23IE (cito solo quelle che vanno in moto), gli stendo un tappeto rosso, gli offro un MarTini e lo accompagno a fare il passaggio....

Beh sai, tutto dipende anche dalle condizioni della DS19 e delle varie 23.....
Io quando faccio confronti li faccio sempre ipotizzando le pari condizioni.

Il mercato degli scambi, per le DS, è anche un po' falsato perché, dietro l'ondata di moda che vede genericamente "lo squalo" come macchina figa, si sono visti tanti, ma tanti scambi dove chi comprava (ma anche chi vendeva) non sapeva neanche cosa aveva acquistato: lui aveva solo comprato lo squalo e tanto gli bastava.

Occhio a considerare il mercato della DS come bibbia.




Qualcuno è andato per età, qualcuno perché già dottore e insegue una maturità, si è sposato, fa carriera ed è una morte un po' peggiore...