Targhe originali su auto storiche DL 178/2020 articolo n. 69: a che punto siamo?

  • 7 Risposte
  • 659 Visite
*

Offline fricko

  • ******
  • 4.251
  • الفضول قتل القطة
Ben trovati a tutti,
sembra che qualcosa si stia smuovendo.
Come molti di voi sapranno, per chi è interessato sarà infatti possibile ottenere una targa d'epoca originale per i veicoli storici che nel corso degli anni sono stati ritargati.
Mancherebbe solamente una Circolare Applicativa dirigenziale per stabilire costi e modalità di assegnazione delle targhe, si sa già che ci saranno dei requisiti da rispettare tra i quali la certificazione del veicolo come di interesse storico, tale certificazione viene rilasciata in Italia dall'ASI ovviamente e dai Club ad essa confederati (RIAR, registro storico FIAT. LANCIA, FMI ecc..) . il eicolo inoltre deve essere in regola con tasse di circolazione, revisioni, assicurazione ecc..
Apparentemente quindi l' iscrizione al RIASC non sarà efficace in tal senso.
C'è chi parla di una costo intorno ai 300 euro per le macchine e 150 per le moto ma nulla è ancora ufficiale.
Se qualcuno ha qualche informazione in più parliamone.
 [:hello]
“Cos'è il Genio? È fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità d'esecuzione.”
[M.Monicelli - Amici miei]


 Da fonte Mctc di Asti non è stato ancora risolto il problema di chi dovrebbe ristampare le nuove/vecchie targhe che essendo in esemplare unico non seguirebbero l'attuale trafila.

*

Offline fricko

  • ******
  • 4.251
  • الفضول قتل القطة
Da fonte Mctc di Asti non è stato ancora risolto il problema di chi dovrebbe ristampare le nuove/vecchie targhe che essendo in esemplare unico non seguirebbero l'attuale trafila.
Sembrerebbe che l'ente preposto sia l'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato che però non possiede le indicazioni costruttive per le targhe precedenti al 1972
“Cos'è il Genio? È fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità d'esecuzione.”
[M.Monicelli - Amici miei]

Potrebbero dare l'appalto a quelli che stampano quelle false "ad uso collezionistico"  ;D

*

Offline palmi

  • ****
  • 955
Potrebbero dare l'appalto a quelli che stampano quelle false "ad uso collezionistico"  ;D

GIUSTO [:clap] [:clap] [:clap] Magari

Potrebbero dare l'appalto a quelli che stampano quelle false "ad uso collezionistico"  ;D
Che ne sapranno sicuramente di più! la mia non è ironia  :)

 [:hello]
Marco

*

Offline fricko

  • ******
  • 4.251
  • الفضول قتل القطة
RIPORTO ULTIMI AGGIORNAMENTI:


"Il decreto attuativo appena emanato determina e indica chiaramente le modalità di applicazione della legge, a partire dalla richiesta che il proprietario dovrà presentare presso uno STA (Sportello Telematico dell’Automobilista) o un ufficio della Motorizzazione Civile.

Per i veicoli circolanti che, a causa di smarrimento, deterioramento, distruzione o furto delle targhe, siano stati reimmatricolati, sarà necessario presentare a uno STA o in Motorizzazione, un’istanza di nuova reimmatricolazione. Trattandosi di veicoli circolanti non viene richiesta altra documentazione oltre quella relativa all’istanza.
Per i veicoli di interesse storico e collezionistico di origine sconosciuta, che non sono stati radiati dall’ANV e dal PRA e che sono privi di documenti di circolazione e di certificato di proprietà o di foglio complementare, bisognerà invece fornire un’istanza di nuova immatricolazione, allegando il titolo di proprietà, il Certificato di Rilevanza Storica e collezionistica e il certificato da cui risulti l’esito positivo della verifica tecnica. L’istanza sarà accolta a condizione che il veicolo risulti comunque presente nell’archivio informatico del CED o nell’archivio informatico o nei registri cartacei del PRA.
Il rilascio della targa storica sarà soggetto al pagamento di 549 euro per gli autoveicoli e 274,50 euro per i motocicli e le macchine agricole."
“Cos'è il Genio? È fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità d'esecuzione.”
[M.Monicelli - Amici miei]

Re:Targhe originali su auto storiche DL 178/2020 articolo n. 69: a che punto siamo?
« Risposta #7 il: Settembre 30, 2023, 09:58:45 am »
Il decreto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2023/09/26/23A05428/sg
« Ultima modifica: Settembre 30, 2023, 10:00:53 am da massimotto »