Illuminazione 3° "cerchio"

  • 47 Risposte
  • 1364 Visite
*

Offline Gianluca

  • ******
  • 8.882
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #30 il: Marzo 15, 2020, 02:20:53 pm »
Proverò a spiegarmi meglio: non è questione di religione, caro Roby3, ma di coerenza.
Io vedo tre tipologie di "elaborazioni":

[...]


Sono d'accordo con ogni passaggio.
Basta semplicemente non risultare antipatici ed esosi nel portare avanti l'idea di originalità...
Uno spiega come devono essere le cose per essere "fatte secondo criteri di originalità", poi ovvio che ognuno farà quel che vuole...



Le masturbazioni cerebrali le lascio a chi è maturo al punto giusto, le mie canzoni voglio raccontarle a chi sa masturbarsi per il gusto...

*

Offline Emanuele

  • *****
  • 2.436
    • http://www.fratellifilippini.it
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #31 il: Marzo 15, 2020, 02:29:55 pm »
Ecco, ora Martini, dopo la 5° sulla break e il termometro sulla rally,  non mi parlerà più!
Scherzi a parte, a mio avviso ci sono modifiche e modifiche e DS e DS.
Non mi sognerei mai di modificare alcunché ne sulla '56, dove anche le viti sono state oggetto di critica prima e di studio poi (non si può sapere tutto, nel' 56 non solo non ero ancora nato ma forse i miei nemmeno si conoscevano!), ne sulla 21 confort che è un bel conservato.
Ma sulla break ritengo di poter fare quelle modifiche che, senza stravolgere l' aspetto "storico" della vettura, ne permettano un utilizzo più "comodo". Ecco quindi il motore 21 con le cinque marce, il ventilatore elettrico di supporto al radiatore, i vetri azzurrati, l'aria condizionata con il compressore rotativo. Solo questi ultimi due si "vedono", anche se poco...
Però non penserei mai di Pallassizzarla ne di mettere i 185 al posto dei 180.
La Rally è un'altra storia....salvata dalla rottamazione le condizioni non ne permettevano un restauro conforme a cifre umane, è una ID di base....così invece almeno è tornata sulla strada.
Poi aborro le gomme ribassate piuttosto che i mega impianti stereo...parere personale come direbbe qualcuno!
Ciao, Emanuele

*

Offline Martini

  • **********
  • 14.779
  • IDéeSse Club - Uff. Stampa
    • IDéeSse Club
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #32 il: Marzo 15, 2020, 02:41:02 pm »
In tutta la filippica presente sul mio ultimo post, manca VOLUTAMENTE, un passaggio che è questo: "poi, nel nostro mondo capitalistico, la proprietà privata è un diritto inalienabile, quindi finché il Ministero dei Beni Culturali non deciderà che ogni DS è un patrimonio storico nazionale, ciascuno è libero di alterare, modificare, taroccare la propria vettura come meglio crede".

Ma, vi prego, non venitemi a dire che lo Stato deve tutelare i tarocchi: quando una vettura viene aggiornata/modificata/alterata, cessa di essere un patrimonio storico per passare dritta-dritta in quello di ciò che è vostro e vi piace così. E non c'è ragione al mondo per cui la collettività debba accettare che il vostro articolo abbia gli stessi diritti di quello conservato o restaurato nel rispetto della storia.

Una DSuper5 Pallas NON E' una testimonianza della sua epoca. E' una Monna Lisa coi baffi o coi riccioli, come quella della (geniale) pubblicità della Ferrarelle di qualche annetto fa.

Quando trent'anni fa stilammo lo statuto dell'IDéeSse Club, mettemmo in cima la conservazione ed il ripristino delle caratteristiche d'origine.
Non l'ho dimenticato ed il Club, per quel che mi riguarda, procederà sempre in quella direzione, fermo restando che nel garage di casa vostra, in questo periodo di reclusione necessaria, farete ben quel che vi pare e piace.
.
.
.

GianluHa, che ne dici? Abbastanza odiosetto come punto di vista? :D

*

Offline roby3

  • *****
  • 2.470
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #33 il: Marzo 15, 2020, 02:43:44 pm »
Miiiiii che pippone, poi cosa ci incastro io se qualcuno vuole vedere meglio gli strumenti oppure viaggiare con motori più grandi e più marce, sempre la solita solfa delle maniglie e maniglione, pallas non pallas ecc.....
Quelli sono gusti personali, se non piacciono ci si giri a guardare altrove....
ROBERTO

*

Offline Gianluca

  • ******
  • 8.882
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #34 il: Marzo 15, 2020, 03:10:04 pm »
In tutta la filippica presente sul mio ultimo post, manca VOLUTAMENTE, un passaggio che è questo: "poi, nel nostro mondo capitalistico, la proprietà privata è un diritto inalienabile, quindi finché il Ministero dei Beni Culturali non deciderà che ogni DS è un patrimonio storico nazionale, ciascuno è libero di alterare, modificare, taroccare la propria vettura come meglio crede".

Ma, vi prego, non venitemi a dire che lo Stato deve tutelare i tarocchi: quando una vettura viene aggiornata/modificata/alterata, cessa di essere un patrimonio storico per passare dritta-dritta in quello di ciò che è vostro e vi piace così. E non c'è ragione al mondo per cui la collettività debba accettare che il vostro articolo abbia gli stessi diritti di quello conservato o restaurato nel rispetto della storia.

Una DSuper5 Pallas NON E' una testimonianza della sua epoca. E' una Monna Lisa coi baffi o coi riccioli, come quella della (geniale) pubblicità della Ferrarelle di qualche annetto fa.

Quando trent'anni fa stilammo lo statuto dell'IDéeSse Club, mettemmo in cima la conservazione ed il ripristino delle caratteristiche d'origine.
Non l'ho dimenticato ed il Club, per quel che mi riguarda, procederà sempre in quella direzione, fermo restando che nel garage di casa vostra, in questo periodo di reclusione necessaria, farete ben quel che vi pare e piace.
.
.
.

GianluHa, che ne dici? Abbastanza odiosetto come punto di vista? :D

No, no...Sono d'accordissimo...Mica sono Robertino del forum RIASC eh ? E lo sai bene.
Ma sai che abbiamo differenti modi di comunicare, ognuno tiene il suo.

Secondo me, molto semplicemente, ci sono momenti in cui si devono ricordare certi temi, altri meno...
Ma il discorso di fondo lo condivido in pieno, lo sai bene...
Le masturbazioni cerebrali le lascio a chi è maturo al punto giusto, le mie canzoni voglio raccontarle a chi sa masturbarsi per il gusto...

Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #35 il: Marzo 15, 2020, 04:46:42 pm »
Cioe' ....sconfinati parecchio , dal titolo del post......abbiamo capito sull'originalita'...senza ombra di dubbio, ogni volta ci fate una filippica sopra. Se avessi una 56' , per dire , e ci facessi 500-1000km l'anno , non mi sognerei neanche io di alterare un qualsiasi pezzo originale , ma siccome ho una Super5 del 74, gia' presa non conforme , e ci faccio 10.000 km l'anno , preferisco fare queste piccole modifiche volte a migliorare visibilita' e indicazioni , piuttosto che sforzarmi a guardare il cruscotto-spie  e non capire cosa sta' succedendo .
« Ultima modifica: Marzo 15, 2020, 04:48:25 pm da Citrozeta »

Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #36 il: Marzo 15, 2020, 04:53:18 pm »
Si riesce comunque a farlo funzionare ugualmente ma necessita di modificare il circuito che alimenta lo strumento che essendo fissato su di esso con 3 viti, impone il tranciare delle piste e ripensare ad un circuito diverso da quello previsto dalle piste originali.
 
Interessante.....in effetti sulla mia "rally", un po' distante dall' originalità,  lo strumento della benzina adattato a temperatura secondo me segna un po' meno del dovuto. Come dovrebbe essere alimentato? Piste da modificare ne ho....
Ciao, Emanuele
Vero , ma la modifica dei fori di fissaggio non e' molto difficile, nessun taglio di piste ma solo un isolamento di una pista , e elettricamento solo aggiungere il filo che finisce sul bulbo, niente di che. . L'indicatore segna un po' meno del dovuto , perche' l'impedenza del bulbo e' tarata per la resistenza dello strumento originale . per perfezionarlo , sarebbe da fare delle prove e mettere una resistenza in parallelo per diminuire l'impedenza  e far spostare di piu' la lancetta dello strumento benzina .....ma adesso ,ci stiamo facendo del male.....
« Ultima modifica: Marzo 15, 2020, 04:56:17 pm da Citrozeta »

*

Offline Martini

  • **********
  • 14.779
  • IDéeSse Club - Uff. Stampa
    • IDéeSse Club
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #37 il: Marzo 15, 2020, 04:56:33 pm »
Guarda che illuminare il quadrante delle spie, PEGGIORA la visibilità di queste ultime, l'opposto che migliorarla.

Poi che differenza c'è tra una DSuper del '72 ed una Décapotable del '61, se non il prezzo?
Tutte e due sono auto d'epoca e come tali andrebbero trattate.
Altrimenti bisogna essere coerenti, ho amici che usano la propria DS tutti i giorni, l'hanno "migliorata" montando luci allo iodio con batterie di relé che le pilotano, alternatori più potenti abbinati a regolatori elettronici e impianto elettrico rifatto alla A alla Z con conduttori maggiorati.
Ma non vanno in giro pretendendo di avere i vantaggi dell'auto d'epoca, neanche quando pagano l'assicurazione che è di tipo tradizionale e non per veicoli d'epoca: non vogliono rogne in caso di sinistro, per loro o per terzi.

Cioe' ....sconfinati parecchio , dal titolo del post......abbiamo capito sull'originalita'...senza ombra di dubbio, ogni volta ci fate una filippica sopra.

"Ci fate?" Chi? Io sono da solo ed esprimo il mio pensiero, di pure "ci fai" ;)

Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #38 il: Marzo 15, 2020, 06:27:56 pm »
Guarda che illuminare il quadrante delle spie, PEGGIORA la visibilità di queste ultime, l'opposto che migliorarla.
 


Altrimenti bisogna essere coerenti, ho amici che usano la propria DS tutti i giorni, l'hanno "migliorata" montando luci allo iodio con batterie di relé che le pilotano, alternatori più potenti abbinati a regolatori elettronici e impianto elettrico rifatto alla A alla Z con conduttori maggiorati.
Ma non vanno in giro pretendendo di avere i vantaggi dell'auto d'epoca, neanche quando pagano l'assicurazione che è di tipo tradizionale e non per veicoli d'epoca: non vogliono rogne in caso di sinistro, per loro o per terzi.

Chi ha detto che ho illuminato il quadrante spie?  io ho illuminato i classici quadranti gia' illuminati dalle lampadine......

Credo che i tuoi amici , in caso di incidente , si vedranno pagare i danni come ferro vecchio ...........credo che l'unica assicurazione che ti ripaghi per il danno effettivo sia la storica con certificazione "Asi "

*

Offline Martini

  • **********
  • 14.779
  • IDéeSse Club - Uff. Stampa
    • IDéeSse Club
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #39 il: Marzo 15, 2020, 08:14:38 pm »
Chi ha detto che ho illuminato il quadrante spie?  io ho illuminato i classici quadranti gia' illuminati dalle lampadine......

Il titolo del topic :)

Citazione
Credo che i tuoi amici , in caso di incidente , si vedranno pagare i danni come ferro vecchio ...........credo che l'unica assicurazione che ti ripaghi per il danno effettivo sia la storica con certificazione "Asi "

Qui è il caso di tornare seri e fare chiarezza: l'ASI, per questo, non serve a niente o serve quanto il RIASC o la tessera di qualsiasi club "serio", ovvero di quelli che non ti associ solo per fare l'assicurazione "storica".
Io mi riferivo al pagamento dei danni che puoi causare tu con la tua storica che, in caso di sinistro "importante" (tipo con feriti veri) potrebbe non avvenire o avvenire con rivalsa. Le assicurazioni, per lavoro, cercano di non pagare i sinistri.
Se una compagnia ti assicura la DSuper per duecento euro l'anno e poi te ne chiede seicento per assicurarti una C3, non lo fa perché ammira la tua DSuper e ti vuole tanto bene, ma perché crede che il rischio generato dalla tua DSuper sia più basso perché non la usi quotidianamente.
Al contrario, la C3 è anche infinitamente più sicura della DS: frena nella metà dello spazio ed ha certamente ABS ed ESP, poi magari anche tutti gli ADAS che ti evitano (o riducono) gli effetti di una distrazione. Eppure ti chiedono 600 euro. Sono cattivi? No, sanno che la usi tutti i giorni e di conseguenza, statisticamente, aumenti il rischio. Capisci?

Invece, per quanto riguarda il pagamento dei danni a te, causati da terzi, non c'è ASI-MASI-TASI che tenga: l'UNICO modo per vederti riconosciuto il danno è che tu abbia una perizia, depositata in tribunale che attesti il valore reale della tua automobile.
A quel punto, la compagnia deve risarcirti e poi, se ritiene sia il caso, rivalersi sul perito.
Ci vuole un perito vero, che poi depositi in tribunale la copia della perizia, che va poi aggiornata periodicamente.

Questo (e solo questo) è il mezzo per vederti risarcito senza avere santi in paradiso.

Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #40 il: Marzo 15, 2020, 09:15:45 pm »
Il titolo del topic :)

Qui è il caso di tornare seri e fare chiarezza: l'ASI, per questo, non serve a niente o serve quanto il RIASC o la tessera di qualsiasi club "serio", ovvero di quelli che non ti associ solo per fare l'assicurazione "storica".
Io mi riferivo al pagamento dei danni che puoi causare tu con la tua storica che, in caso di sinistro "importante" (tipo con feriti veri) potrebbe non avvenire o avvenire con rivalsa. Le assicurazioni, per lavoro, cercano di non pagare i sinistri.
Se una compagnia ti assicura la DSuper per duecento euro l'anno e poi te ne chiede seicento per assicurarti una C3, non lo fa perché ammira la tua DSuper e ti vuole tanto bene, ma perché crede che il rischio generato dalla tua DSuper sia più basso perché non la usi quotidianamente.
Al contrario, la C3 è anche infinitamente più sicura della DS: frena nella metà dello spazio ed ha certamente ABS ed ESP, poi magari anche tutti gli ADAS che ti evitano (o riducono) gli effetti di una distrazione. Eppure ti chiedono 600 euro. Sono cattivi? No, sanno che la usi tutti i giorni e di conseguenza, statisticamente, aumenti il rischio. Capisci?

Invece, per quanto riguarda il pagamento dei danni a te, causati da terzi, non c'è ASI-MASI-TASI che tenga: l'UNICO modo per vederti riconosciuto il danno è che tu abbia una perizia, depositata in tribunale che attesti il valore reale della tua automobile.
A quel punto, la compagnia deve risarcirti e poi, se ritiene sia il caso, rivalersi sul perito.
Ci vuole un perito vero, che poi depositi in tribunale la copia della perizia, che va poi aggiornata periodicamente.

Questo (e solo questo) è il mezzo per vederti risarcito senza avere santi in paradiso.
Ma se io al momento della stipula dell’assicurazione  storica , ho dichiarato di fare 10.000 km l’anno, e l’assicurazione non mi dà nessun vincolo......non vedo su quale criterio mi dovrebbe fare il discorso del rapporto delle nuove......per quanto riguarda il non pagare, di quello sono cosciente....ma è un rischio che corriamo tutti , anche chi fa’ una ass. normale.....basta guardare con che criterio ti rimborsano di qualsiasi auto....

*

Offline Gianluca

  • ******
  • 8.882
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #41 il: Marzo 15, 2020, 09:24:39 pm »
[...]
Questo (e solo questo) è il mezzo per vederti risarcito senza avere santi in paradiso.


Mah...Tutte queste sicurezze io non le avrei sai ?

Il valore di determinate automobili è dimostrato e dimostrabile facilmente....In una eventuale sede processuale voglio proprio vedere se una automobile normalmente battuta in aste e compravendite a cifre da capogiro (parlo in generale, non solo DS ma Ferrari, Lamborghini ecc. ecc.) possa facilmente essere trattata al pari di un ferrovecchio....

E comunque vada...non capisco come tutto questo possa entrarci con una banale lampadina (che io NON metterei sia chiaro, però che palle....) che illumina un cruscotto....

Mah...

Le masturbazioni cerebrali le lascio a chi è maturo al punto giusto, le mie canzoni voglio raccontarle a chi sa masturbarsi per il gusto...

*

Offline Vito

  • ***
  • 248
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #42 il: Marzo 15, 2020, 10:03:55 pm »
Se ho ben capito ci sta raggiungendo (o ci  ha già raggiunto)una "fatwa" [:fiu]
Non ho ben capito.....(solo per rispondere alla filippica di Maurizio, e  riprendere un tema a me caro  [:D]) se non ho i soldi per comprare una cabrio originale, devo rinunciare a comprare una replica, solo perchè non ci ha messo le mani Chapron, che tra parentesi faceva la stessa cosa ?..... e lo faceva pure peggio !
Tornando in topic...... a questo punto la "fatwa" colpirà (o dovrebbe colpire) anche chi cambia il regolatore di tensione e lo nasconde nell'involucro del vecchio, a chi monta centraline elettroniche  moderne  per le i.e., a chi non usa i "piece d'origine" , e, a chi monta o vende i pezzi riprodotti etc.?
Un consiglio per Maurizio, procurati ettolitri di LHM, perchè a questo punto credo che saremo parecchi in quella pozza.... [:D]



*

Offline Martini

  • **********
  • 14.779
  • IDéeSse Club - Uff. Stampa
    • IDéeSse Club
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #43 il: Marzo 15, 2020, 11:39:48 pm »
Se ho ben capito ci sta raggiungendo (o ci  ha già raggiunto)una "fatwa" [:fiu]
Non ho ben capito.....(solo per rispondere alla filippica di Maurizio, e  riprendere un tema a me caro  [:D]) se non ho i soldi per comprare una cabrio originale, devo rinunciare a comprare una replica, solo perchè non ci ha messo le mani Chapron, che tra parentesi faceva la stessa cosa ?..... e lo faceva pure peggio !
Tornando in topic...... a questo punto la "fatwa" colpirà (o dovrebbe colpire) anche chi cambia il regolatore di tensione e lo nasconde nell'involucro del vecchio, a chi monta centraline elettroniche  moderne  per le i.e., a chi non usa i "piece d'origine" , e, a chi monta o vende i pezzi riprodotti etc.?
Un consiglio per Maurizio, procurati ettolitri di LHM, perchè a questo punto credo che saremo parecchi in quella pozza.... [:D]

A me piacerebbe comprare un F35 per andare a bombardare chi mi sta sui cabasisi. Ma non ho i soldi per comprarlo.
Quindi che faccio? Compro un F104 dal demolitore lungo il GRA e faccio brumbrum seduto sul seggiolino, tirando petardi, tanto il tettuccio non c'è più?

Ciascuno è libero di vivere la propria passione come gli pare, altro ci mancherebbe, ma per me la cabriolet DIY e la DSpécial pallas bleu delta con l'interno in cuoio marrone sono pari: due basi su cui spendere un sacco di soldi per farle tornare com'erano. Solo questo è rispetto per l'originalità.

E' chiaro che parlo del mio personale punto di vista e rispetto quello degli altri.
Ma se, come in questo topic mi si chiede di esprimere il mio punto di vista, rispondo come ho fatto: rispetto per la storia è mantenere l'auto originale, non "migliorarla" (che nessuno è capace di farlo e fa anche un po' ridere) e men che meno stravolgerla.
Usarla col rispetto che merita, ponendo la sua conservazione al punto uno. Hai soldi da spendere? Fallo nel rispetto del bene che conservi.

Io la vedo così.

*

Offline IDcronio

  • ******
  • 15.613
Re:Illuminazione 3° "cerchio"
« Risposta #44 il: Marzo 16, 2020, 07:51:41 am »
Vero , ma la modifica dei fori di fissaggio non e' molto difficile, nessun taglio di piste ma solo un isolamento di una pista , e elettricamento solo aggiungere il filo che finisce sul bulbo, niente di che. . L'indicatore segna un po' meno del dovuto , perche' l'impedenza del bulbo e' tarata per la resistenza dello strumento originale . per perfezionarlo , sarebbe da fare delle prove e mettere una resistenza in parallelo per diminuire l'impedenza  e far spostare di piu' la lancetta dello strumento benzina .....ma adesso ,ci stiamo facendo del male.....

Quanto vorrei capirci qualcosa! In questo momento non posso godermi il piacere di aver terminato tutta la plancia e strumenti del mio 23 perché dopo aver montato tutto, questo tutto funziona perfettamente, dalla radio alle luci al "nuovo" impianto 4 frecce, e qui ci sarebbe da discutere come per le cinture su vetture dove per legge non c'era obbligo, ma c'è un ma...

Quando a quadro spento accendo le luci si accendono entrambe le spie abb.anabb., se uso il reostato questo mi fa da balance tra le due lampadine manco fossero due casse stereo, se attivo le luci con contatto chiave inserito quando ruoto il devio luci di una posizione mi ritrovo con la lancetta benzina a metà, se ruoto ancora mi ritrovo col pieno, fantastico!!😁

Insomma, un bel casino la cui soluzione devo rimandare in mani più esperte delle mie che già è un miracolo che tutte le cose più importanti funzionano perfettamente, devo passare ai pannelli porta e COVID19 (nuovo nome di battesimo che mi ricorderà questo allucinante periodo, le tragedie che porta con sé e quanto di effimero l'uomo necessità per andare avanti) sarà finalmente ultimata.

Per tornare al topico dico col massimo rispetto per tutte le opinioni che la cosa mi affascina moltissimo, anch'io la prima volta che guidai la mia Euriale di sera rimasi deluso, a dir poco, di quel fioco focolare, lo trovai squallido.
Avrei voluto almeno un po' più di brio ma in fondo e onestamente penso che le ragioni per cui Maurizio Marini si spende non facciano una piega. Intendiamoci questo non vuol dire che io sia n integralista ortodosso come lui😀 ho ad esempio canbiato tutta la viteria e i pezzi esposti alle intemperie in acciaio inox, lo voglio vedere lì con la calamita a controllare 4 miliardi di cazzilli! [(eheh_doingdoing)] [(guido)]
« Ultima modifica: Marzo 16, 2020, 07:59:39 am da IDcronio »